Il Ricordo fa che non accada più.... 8 febbraio sala consigliare di Castelnuovo di Porto

Convegno, le Foibe: una ferita aperta

Il Presidente del Lions Club Valle Tiberina, Paola Mainardi del Pianta: "Giornata indimenticabile, piena di passione, emozioni, e partecipazione. Iniziato con due conferenze la mattina, una al Liceo scientifico G. Piazzi a Morlupo, in seguito all'istituto G. Nervi di Rignano. Ci ha colpito l'attenzione e la voglia di sapere che hanno espresso i ragazzi, durante la presentazione del T.C. Carlo Cetteo Cipriani, "Pane per la nostra missione". Il pomeriggio presso la sala consiliare del Comune di Castelnuovo di Porto, l'esplosione di emozioni, dai vividi ricordi dell'esule Marisa, la scoperta di una comunità ancora coesa e protesa a raccogliere le testimonianze storiche per ricordare e promulgare, espresse dal dot. Marino Micich, la precisa analisi storica e dei perchè, si debba ancora oggi Ricordare un pezzo di Vita, cancellato anche dai libri di storia, enunciata dal Prof. Giuseppe Parlato, hanno reso felice i partecipanti, il Club e Me, Grazie a tutti."

Speriamo che me la cavo.. caro Fassina....

Matteo Renzi:

 "Meno di un mese fa tre milioni di italiani hanno chiesto al PD coraggio, decisione, scelte forti. Hanno chiesto di cambiare verso. Stiamo cercando di rispondere a questa richiesta così forte dettando l'agenda alla politica: legge elettorale, riforme costituzionali, interventi per il lavoro perché se non cresce l'occupazione andiamo tutti a casa, grandi iniziative su Europa e Scuola, tagli di un miliardo ai costi della politica. Lo facciamo perché ce l'hanno chiesto i cittadini, lo dobbiamo a loro. Stefano Fassina oggi mi accusa di "avere una visione padronale del partito": non me ne ero accorto quando si trattava di confermare i capigruppo o di scegliere il presidente dell'assemblea o di tenere aperta la segreteria anche a persone non della maggioranza. Certo, a differenza di quello che avrebbe fatto la politica tradizionale il primo mio gesto non è stato chiedere il rimpasto, come Fassina mi ha chiesto su tutti i giornali. Continuo a non chiederlo perché la preoccupazione del PD sono gli italiani che non hanno un posto di lavoro, non i politici che si preoccupano di quale poltrona possa cambiare. Sono i problemi dell'Italia che interessano al mio PD, non i problemi autoreferenziali del gruppo dirigente. Se il Vice Ministro all'Economia - in questi tempi di crisi - si dimette per una battuta, mi dispiace per lui. Se si dimette per motivi politici, grande rispetto: ce li spiegherà lui nel dettaglio alla direzione PD già convocata per il prossimo 16 gennaio raccontandoci cosa pensa del Governo, cosa pensa di aver fatto, dove pensa di aver fallito. Lo ascolteremo tutti insieme con grande attenzione, così fa un partito serio. Quanto a me, non cambierò il tono dei miei incontri con la stampa. Mai. Non diventerò mai un grigio burocrate che non può scherzare, non può sorridere, non può fare una battuta. La vita è una cosa troppo bella per non essere presa con leggerezza. Starò sempre in mezzo alla gente, continuerò a fare battute e a riceverle, ma mettendo al centro il patto con gli elettori, non gli equilibri dei dirigenti. Il PD ha il compito di cambiare l'Italia, non di vivere un congresso permanente. E noi ci proviamo, con il sorriso sulle labbra ma anche con la determinazione di chi sa che dobbiamo cambiare verso davvero. Buona domenica a tutti!"

Siamo arrivati al 2014 ed ancora subiamo gli strumenti che usiamo tutti i giorno, si muore anche per far notizia per curiosità per gareggiare a chi la racconta meglio, mai per evitare, a  voi il giudizio...

e poi ancora.....

 

 

per finire...

"da ASCA.IT

Roma: Atac, inchiesta interna su incidente mortale Castelnuovo Porto

02 Gennaio 2014 - 20:22

(ASCA) - Roma, 2 gen 2014 - Atac spa, come previsto dalle procedure interne e dalla legislazione in occasione di tali eventi, ha aperto un'indagine per far luce sull'incidente mortale costato la vita a una donna sulla linea Roma-Viterbo. L'incidente e' avvenuto intorno alle 15 all'altezza del casello numero nove a Castelnuovo di Porto. L'auto guidata dalla vittima stava attraversando il passaggio a livello, in quel tratto della linea senza sbarre ma regolarmente segnalato con sistemi acustici e luminosi, quando e' stata urtata dal treno n. 706 partito alle 14.19 da Piazzale Flaminio. Secondo le prime risultanze interne, il sistema di segnalamento era funzionante e attivo e la velocita' del treno nei limiti previsti sul tratto di linea interessato. L'incidente ha provocato l'interruzione della linea nel tratto extraurbano. Attualmente la circolazione e' regolarmente ripresa. Atac, costernata per l'accaduto, esprime il proprio cordoglio ai familiari della vittima. com-mpd/"

Auguro a tutti un sereno Natale ed un buon inizio di anno, ricordo tutti coloro che non riescono ad essere sereni e tutti coloro che soffrono nell'animo e nel corpo, un abbraccio va a chi lontano muore di stenti e vicino soffre in silenzio per dignità, vergogna e che diventa fantasma all'occhio miope di una comunità pavida indolente ed egoista.

Un Augurio e pillole di amore: